Le cattive abitudini sono dure a morire, proprio perché in quanto tali derivano da un lungo allenamento perpetrato nel tempo e ripeterle è rassicurante e non richiede di solito impegno fisico e mentale.

Un primo passaggio è sicuramente quello di portare a livello conscio l’abitudine sbagliata (cioè esserne consapevoli), ma da qui a cambiarla ci vogliono tempo ed impegno.

Certo, non è facile cambiare se vi date fin da subito obiettivi troppo impegnativi! La teoria del carico nell’allenamento sportivo ci viene in aiuto. Uno stimolo, per essere efficace, deve essere sfidante, ma anche graduale e alternato a periodi di recupero.

Per iniziare, per esempio, voglio consigliarvi la “regola dei venti minuti”, che altro non è che una tecnica per dare alle cose importanti il primo giusto spazio.

Una volta che vi siete dati un obiettivo da raggiungere, dovete:

  1. fissare un orario preciso nella giornata in cui dedicargli 20 minuti di tempo
  2. ripetere la nuova abitudine per 6 giorni in modo regolare
  3. saltare il settimo giorno (fase di “recupero”)
  4. riprendere la nuova abitudine per altri 6 giorni, eventualmente aumentando il tempo dedicato.

Perché questo tipo di allenamento funzioni è fondamentale che vi segniate in agenda (o sul cellulare) un promemoria che vi deve aiutare a programmare la nuova abitudine: come lo fate per gli appuntamenti di lavoro, così dovete fare anche per gli obiettivi di miglioramento personale!

Se sceglierete il giusto obiettivo e sarete costanti nel perseguirlo, riuscirete a renderlo una nuova buona abitudine!

Questo è solo un assaggio di quello che potete trovare nella palestra dell’Academy. Una vera palestra di formazione per la crescita e la conoscenza. Ogni lunedì alle 21 presentiamo i contenuti e i metodi che utilizziamo: vi aspettiamo!

https://mba.mindon.it/openday/


Leave a Reply

Your email address will not be published.