La frase del titolo non è mia, ma di un’attivista dei diritti civili americana, Florynce Kennedy. È una frase secondo me estremamente azzeccata, infatti fa riferimento all’importanza di organizzare il lavoro prima di iniziare, in modo tale da non trovarsi nel caos subito dopo.

E non è una competenza così scontata.

È chiaro che è più facile raggiungere gli obiettivi quando tutti i membri della squadra spingono nella stessa direzione.

È più facile quando hai a disposizione tutti gli strumenti e le risorse di cui hai bisogno.

I risultati si ottengono se tutti coloro di cui hai bisogno ti aiutano e lavorano per te e con te. E non sto parlando necessariamente di collaboratori diretti, ma anche di tutti i possibili alleati sui quali non hai diretta autorità.

Perché tutto funzioni senza problemi, la capacità di organizzare è indispensabile.

Hai per caso organizzato un viaggio senza affidarti ad un tour operator? Hai per caso organizzato un evento di una certa importanza? Magari il tuo matrimonio? Ecco… ora hai capito quanto essere organizzati incida sul risultato finale, sul vivere una bella oppure una pessima esperienza!

Prova a testare la tua capacità organizzativa rispondendo a queste domande:

  • Di solito sai come trovare e sistemare le persone, i materiali, i budget?
  • Sai pianificare il lavoro tuo e dei tuoi collaboratori?
  • Se hai più attività da svolgere in simultanea il rendimento decresce?
  • Metti le cose insieme all’ultimo minuto e devi poi lavorare a lungo per finire?

Se hai risposto di sì alle prime due domane e di no alle ultime due allora sei un tipo organizzato. In caso contrario, Huston abbiamo un problema!

Forse è il caso di lavorare su questa competenza per diminuire lo stress e non agonizzare!

Condividi