Se l’obiettivo di un team è lavorare insieme per realizzare un obiettivo comune, ciò è più realizzabile se i singoli migliorano le proprie competenze. Un buon team leader sa che il successo futuro e duraturo (non quello momentaneo) suo e del team dipende dallo sviluppo dei follower.

Da leader puoi essere coach dei tuoi collaboratori: aiutali a portare avanti la carriera sviluppando le potenzialità, offrendo supporto e formazione. Essi ti ripagheranno con l’impegno e il lavoro di squadra.

In un conteso meritocratico (questa è una premessa necessaria), più grande è la squadra, più grande è la possibilità per i singoli di sviluppare la propria carriera cambiando ruolo o essendo promossi in Azienda. Anche laddove la crescita verticale non è possibile, la crescita orizzontale è sempre permessa: il collaboratore che cambia ruolo all’interno del team impara cose nuove e si sente attivo e utile al gruppo.

Dal suo punto di vista, il follower deve essere consapevole che la sua carriera dipende solo da se stesso. Il leader può però incoraggiare ognuno a vedere il lavoro di squadra come un processo di crescita, in cui tutte le esperienze possono offrire nuove opportunità e “fare curriculum” per raggiungere la posizione successiva o superiore.

Prova a fare ai collaboratori domande mirate di questo tipo:

“Dove vuoi essere tra 2 anni?”

“Quali competenze ti servono per arrivare a quella posizione?”

Se li aiuterai a rispondere a queste domande, raggiungerete insieme il successo desiderato!

Condividi